Il Remarketing e Retargeting in Google Ads e Facebook Advertising: una Guida Completa

Indice dei Contenuti

Se conosci il remarketing, probabilmente sei consapevole delle potenzialità di questo strumento.

Se non lo conosci, probabilmente ne sarai venuto a conoscenza quando sei entrato in un sito, magari hai guardato un determinato prodotto o addirittura l’hai aggiunto al carrello e poi ti sei ritrovato una pubblicità di quel prodotto che ti segue ovunque, come esemplifica in modo ironico la vignetta qui sotto:

Se entri in un sito come Amazon, Hoepli, Il Giardino dei Libri e molti altri puoi fare esperienza diretta di questo strumento, che in sostanza traccia la tua visita grazie ai cookie salvati nel tuo browser (a questo proposito puoi leggere Come Generare una Cookie Policy: I 2 Migliori Strumenti per il tuo Sito (Gratuiti, in Italiano, anche per WordPress): Iubenda e Nibirumail) e ti segue potenzialmente ovunque nella tua esperienza di navigazione.

Il remarketing o retargeting, da un punto di vista dell’utente finale, può risultare piuttosto invasivo, come confermano le statistiche pubblicate su InskinMedia, secondo cui il remarketing può risultare noioso, intrusivo e fare persino arrabbiare:

remarketing statistiche

D’altra parte questo strumento può essere straordinariamente efficace nell’affrontare un fenomeno allo stesso tempo fisiologico e deleterio, ovvero il fatto che la stragrande maggioranza di chi entra nel tuo sito ne uscirà senza convertire.

E’ quella che in un altro post, dedicato alle 3 Migliori Strategie per Connetterti al Visitatore del tuo Sito (prima che lo Abbandoni senza Convertire) ho definito come “la dura verità”.

La maggioranza dei visitatori abbandona il sito senza convertire

La dura verità? La stragrande maggioranza dei visitatori del tuo sito lo abbandonerà senza convertire.

Lo sapevi che, secondo una statistica, il 97% dei visitatori di un ecommerce lo abbandona senza convertire?

O che il 67% di loro semplicemente acquisterà in un secondo momento?

O meglio, lo farà se ritornerà sul sito per farlo.

Uno studio ad opera di Gleanster Research conferma che fino al 50% dei visitatori qualificati (target o prospect) di un sito non sono pronti a comprare.

Del restante 50% la prima metà (25%) non sono interessati, l’altra metà è pronta all’acquisto.

A differenza degli altri 2 metodi di connessione del tuo utente (richiesta della mail e Like su Pagina Facebook o altro profilo social), dove l’utente deve decidere se connettersi o meno a te dandoti la sua mail e il suo like, nel remarketing il processo è automatico: nel momento in cui l’utente accede al sito dove hai collocato il tuo tag, il tuo codice di remarketing, scatta il tracciamento (salvo casi particolari), come illustra questa immagine di Sitescout:

remarketing

Ma quali sono gli obiettivi che possiamo raggiungere con il remarketing? Secondo una statistica pubblicata da Chango/Digiday:

retargeting remarketing obiettivi

Inoltre, secondo una ricerca pubblicata su MarketingLand, il retargeting è in grado di aumentare il CTR  di 3-10x rispetto alle medie del settore.

Ma iniziamo a parlare di remarketing e retargeting cercando di capire cosa sono, quindi il loro significato e definizione, distinguendo remarketing da quello che spesso viene usato come sinonimo, ovvero il retargeting.

Remarketing VS Retargeting: una definizione e significato

Per quanto i due termini remarketing e retargeting vengano spesso usati per indicare la stessa cosa, nella definizione originale i 2 termini indicano cose differenti:

  • Per remarketing tipicamente si intende il processo per coinvolgere nuovamente i clienti tramite l’email marketing, come avviene ad esempio nel caso di quando gli ecommerce inviano delle email in casi come l’abbandono del carrello;
  • per retargeting invece si intende tipicamente la visualizzazione di annunci pubblicitari a un utente che ha precedentemente visitato una pagina del sito o compiuto una determinata azione di conversione.

Nonostante questa definizione, lo stesso Google usa il termine “remarketing” per indicare quello che a tutti gli effetti è un retargeting.

In questo articolo useremo i termini remarketing e retargeting come sinonimi, seguendo l’uso che se ne fa nella lingua italiana.

I 4 passaggi principali di una campagna di retargeting

Indipendentemente dallo strumento che utilizzi, i passaggi di creazione di una campagna di retargeting rimangono sostanzialmente gli stessi. Una bella immagine, tratta da Econsultacy.com, ci illustra i 4 passaggi principali di una campagna di retargeting:

  1. all’inizio del processo abbiamo un utente che atterra sul tuo sito web;
  2. lo stesso visitatore lo abbandona, solitamente senza convertire;
  3. una volta entrato nel tuo sito, grazie a un codice di retargeting, hai tracciato l’utente, a cui mostrerai un annuncio mirato;
  4. grazie a questo annuncio, l’utente potrà tornare nel sito che ha abbandonato.
retargeting

I 2 principali siti dove fare remarketing o retargeting

Per quanto tu possa fare remarketing o retargeting su una grande quantità di siti (tra cui Linkedin ADS), in questa guida ci concentreremo sulle 2 principali e più usate forme:

A questo punto andiamo ad analizzare nel dettaglio come creare una campagna di retargeting proprio questi 2 strumenti visti: Google Adwords e Facebook Advertising.

Come fare remarketing con Facebook Advertising

Per implementare una campagna di remarketing o retargeting con Facebook Ads devi usare le Custom Audience, di cui abbiamo parlato approfonditamente in questo articolo: Il Pubblico di Facebook Advertising: Guida Completa + 12 Strategie per Aumentare CTR e Conversioni

Entra nel tuo account Facebook Ads e vai su Strumenti > Pubblico dal menu principale.

A questo punto clicca su “Crea Pubblico”.

pubblico personalizzato simile salvato facebook ads

Hai a disposizione 3 tipologie di Pubblico, di cui le 3 più interessanti per il nostro argomento sono:

  • il Pubblico Personalizzato, che ti consente di fare retargeting;
  • Il Pubblico Simile: una volta che hai creato una lista di retargeting, puoi creare un’altra lista di persone affini a queste;

A questo punto seleziona “Pubblico Personalizzato”:

Come vedi dall’immagine, hai 3 opzioni: quella che ci interessa è Visite sul sito web.

remarketing pubblico personalizzato

A questo punto dovrai creare un pixel di Facebook, ovvero un codice che andrà collocato in tutte le pagine in cui vorrai tracciare gli utenti per il remarketing.

Una volta fatto questo, ti basterà creare come Pubblico chi ha visitato il tuo sito o una serie di pagine in un determinato arco temporale:

 crea pubblico remarketing

Come fare remarketing con Google Ads

Come abbiamo visto sopra, Google chiama il proprio retargeting “remarketing”, che si implementa da Google Ads.

Ci sono sostanzialmente 3 modalità di fare su Google Adwords remarketing o retargeting:

  • display: mostra a utenti che hanno visitato il nostro sito web i nostri annunci su vari siti della rete Display ;
  • search: mostra a utenti che hanno visitato il nostro sito web i nostri annunci nelle loro ricerche su Google;
  • dinamico:  mostra annunci a utenti che hanno visitato certi prodotti del nostro ecommerce.

Una volta entrato nel tuo account, accedi alla Libreria Condivisa in fondo a sinistra e una volta dentro clicca su “Segmenti di Pubblico”:

egmenti di pubblico remarketing google adwords

Aprendo il menu a tendina “elenco per il remarketing” trovi varie opzioni:

  • Visitatori del sito web – permette di creare una lista a partire dal tuo codice di retargeting che hai inserito sul tuo sito web;
  • Utenti delle app – permette di fare remarketing su chi ha installato al tua APP;
  • Email dei clienti: questa funzione, molto simile al Pubblico Personalizzato di Facebook, di consente di caricare una lista di email e direzionare gli annunci agli utenti che la possiedono.

Vediamo l’opzione “Visitatori del sito web”.

elenco per il remarketing google adwords

Una volta che hai cliccato su  “Visitatori del sito web”, selezionerai “visitatori di una pagina con un tag specifico” dal menu a tendina “Chi aggiungere al tuo elenco”:

nuovo elenco per il remarketing google adwords

A questo punto potrai selezionare per quanto tempo le persone saranno sulla tua lista di remarketing (di default l’impostazione è a 30 giorni, puoi arrivare fino a 540 per la rete Display) e generare il tag cliccando su “Nuovo Tag”, tag che inserirai nelle pagine del sito dove vuoi tracciare gli utenti

Il retargeting o remarketing dinamico

C’è un altra forma di remarketing, il remarketing dinamico.

In cosa consiste? Nel mostrare agli utenti che hanno visitato, ad esempio, un determinato prodotto nel nostro ecommerce, annunci relativi a quel prodotto:

 remarketing-dinamico

Il remarketing dinamico si può attivare con:

  • Facebook Advertising;
  • Google Ads.

In entrambi i casi si dovranno creare delle liste di feed di dati da inserire in piattaforma.

Un utile risorsa per approfondire l’argomento remarketing e retargeting in Google Ads sono le slide Remarketing e Retargeting AdWords: istruzioni per l’uso di Gianpaolo Lorusso:

Conclusioni

Ricapitoliamo gli argomenti visti finora.

Siamo partiti dalla natura double face del remarketing: da un lato strumento indispensabile per connettersi all’utente che entra nel sito e lo abbandona senza convertire, magari dopo aver aggiunto un prodotto al carrello, dall’altro strumento spesso percepito come invasivo dall’utente che lo subisce.

Il remarketing, oltre che essere un modo per far tornare l’utente sul sito che ha abbandonato, può essere anche un veicolo, diretto o indiretto, di brand awareness come dimostra la statistica riportata più sopra.

Abbiamo inoltre visto come implementare una campagna di retargeting con il Pubblico Personalizzato di Facebook Advertising e le 3 tipologie di remarketing di Google Ads, che ci consente di raggiungere utenti sulle ricerche di Google, sui siti appartenenti alla Rete Display.

E infine, il remarketing dinamico, funzione che ci consente di mostrare all’utente esattamente il prodotto che ha visitato nel nostro sito ecommerce.

E tu? Hai utilizzato una di queste forme di remarketing? Parliamone nei commenti!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Vuoi convertire il clic in contatto e il contatto in cliente pagante? ​

Rimani aggiornato sui nuovi articoli e contenuti riservati agli iscritti.
Una mail al mese.

Altri articoli sul tema che potrebbero interessarti:

Consulenza e corsi di formazione su Lead Generation, Marketing Automation e Performance Marketing

Vuoi aumentare la quantità di contatti di potenziali clienti, migliorare la qualità del contatto, ridurre il costo di acquisizione del lead, trasformare i contatti in clienti paganti e aumentarne il valore nel tempo?